[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 08/04/2021

Sezione Stazione appaltante

Provveditorato interregionale per la Campania, Molise, Puglia e Basilicata - Stazione unica Appaltante Caserta 1
ROTUNNO GENA

Sezione Dati generali

Servizio quinquennale di raccolta e trasporto dei rifiuti solidi urbani e assimilabili da avviare a smaltimento/recupero, raccolta differenziata e altri servizi accessori per la tutela dell'ambiente nel Comune di Santa Maria a Vico (CE) - CIG : 8587661A09 - CUP : D89C20000880004
Servizi
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
5.578.662,36 €
22/03/2021
19/04/2021 entro le 12:00
G00376
In aggiudicazione

Sezione Documentazione di gara

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta amministrativa
Busta tecnica
  • Relazione Tecnica
Busta economica
  • Offerta economica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 08/04/2021
    Quesiti da 1 a 6 del 1.04.21 e 6.04.21 - Quesito 1.Si chiede conferma che i costi di smaltimento della frazione secca indifferenziata, della frazione organica, dei rifiuti da spazzamento stradale, ingombranti, RUP, cimiteriali da estumulazioni ed esumazioni, inerti, siano a carico dell'Ente in quanto gli stessi non sono stati computati nel calcolo della spesa (elaborato 3 di 6); Risposta 1:I costi del conferimento di dette frazioni sono a carico dell'Ente. a carico della ditta la raccolta ed il trasporto presso discarica autorizzata. Quesito 2.Si chiede conferma che il costo annuo (euro 7.990,50) della spazzatrice da mc. 4 è errato, considerato che il servizio di spazzamento stradale meccanizzato dovrà essere svolto per 6 ore giornaliere per sette giorni a settimana, come previsto dall'art. 82, comma 2, del capitolato speciale descrittivo e prestazionale. Ciò significa effettuare circa 395 interventi annui (n. 52,14 settimane*7 interventi) da 6 ore cadauno per un totale di 2.190 ore/anno (n. 52,14 settimane*7 interventi*6 ore), ossia euro/ora 3,65. Cosa del tutto irrealizzabile; Risposta 2 :Il costo di euro 7.990,50 è annuale calcolato sulla base contrattuale di 5 anni e prevede le voci di come riportate nel prospetto seguente, nell'ipotesi di percorrenza di 5000 km. Quesito 3:Si chiede conferma che la fornitura di n. 70 cestini portarifiuti (art. 83, comma 1, del capitolato speciale descrittivo e prestazionale) sia a carico dell'Ente, considerato che il relativo costo non risulta presente nel calcolo della spesa (elaborato 3 di 6); Risposta 3:Si riporta in estratto lart. 83 comma 1 Art. 83 Fornitura, svuotamento e manutenzione dei cestini portarifiuti e pulizia area circostante LAppaltatore dovrà provvedere, entro il primo anno di affidamento del Servizio, alla fornitura di un numero di cestini porta rifiuti nei luoghi di cui allArt. 82 non inferiore a 70 da posizionare secondo le indicazioni fornite dalla Committente e comunque in accordo alle esigenze da parte della committenza. Quesito 4:Si chiede conferma che la fornitura e posa in opera di almeno n. 50 cestini per la raccolta delle deiezioni canine con allegato distributore di sacchetti (art. 84, comma 1, del capitolato speciale descrittivo e prestazionale) sia a carico dell'Ente, visto che il relativo costo non è computato nel calcolo della spesa (elaborato 3 di 6). Risposta 4 :Si riporta in estratto lart. 84 comma 1 Art. 84 Fornitura, svuotamento e manutenzione dei cestini deiezioni canine 1.LAppaltatore dovrà provvedere, entro il primo anno dell'affidamento del Servizio, alla fornitura e posa in opera di un numero di cestini per la raccolta delle deiezioni canine con allegato distributore di sacchetti nei luoghi di cui all'Art. 82 non inferiore a 50 da posizionare secondo le indicazioni fornite dalla Committente e, comunque, in accordo alle reali necessità riscontrate dalla committenza. Quesito 5: in merito a quanto prescrittoallart.11 punto n.3 lett.Z, si chiede se gli oneri di smaltimento dei rifiuti riportati sono a carico dellappaltatore? Nel caso di risposta affermativa si richiede di specificare se si può fare riferimentoai circuitidi filiera già esistenti e di meglio specificare le quantità degli ultimi due rifiuti riportati in quanto identici.. cer 170504 (100t/annue) e 170504 (200t/annue) Risposta 5:Gli oneri di smaltimento sono a carico della ditta. Si specifica che per mero errore è stato riportato lo stesso codice in luogo del seguente: cer 170504 (100t/annue) e 170506 (200t/annue) Quesito 6: in merito a quanto prescritto nellArt.52 (Proprietà dei rifiuti e destinazione dei ricavi di vendita dei rifiuti riciclabili) , si chiede di chiarire cosa si intende per l'attività di preselezione dei rifiuti ingombranti, raee, frigoriferi, rifiuti cimiteriali, medicinali, pile e farmaci, oli esausti pneumatici legno, toner ..in effetti con la delega diventano di proprietà dell'appaltatore solitamente i rifiuti a riconoscimento, quelli citati in quest'articolo dove tra laltri ci viene richiesta l'attività di preselezione non possono essere considerati rifiuti a valorizzazione, pertanto si richiede di meglio dettagliare gli oneri a carico dellimpresa e cosa sintende per preselezione ingombranti raee e cimiteriali Risposta 6: Lart. 53 comma 3 chiarisce che I materiali di rifiuto suscettibili di riciclaggio e/o reimpiego saranno gestiti dall'Appaltatore che provvederà alla cessione dei rifiuti ai Consorzi di filiera (CONAI, COREPLA, COMIECO, COREVE, etc.), con qualsiasi onere a suo carico, compreso il trasporto agli impianti. In dettaglio, poi, si specifica che quanto riportato al comma 6 del medesimo articolo 53: I contributi CONAI provenienti dalla raccolta differenziata saranno di esclusiva spettanza dell'Appaltatore al quale saranno conferite le relative deleghe. A fronte di tale corrispettivo nel presente Capitolato, oltre alla decurtazione del costo del servizio previsto nella stima del costo dell'appalto, sono previsti a carico dell'appaltatore anche i costi di smaltimento e di preselezione di alcune categorie di rifiuti (plastica, carta e cartone, imballaggi materiali misti, ingombranti, RAEE, frigoriferi, rifiuti cimiteriali, medicinali, pile, farmaci scaduti, inerti sino a 100 tonnellate annue, oli esausti, pneumatici, legno, toner della Committente, oneri di discarica per i materiali abbandonati, oneri di smaltimento carogne di animali morti, ecc.).

[ Torna all'inizio ]