[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 28/02/2021

Sezione Stazione appaltante

Provveditorato interregionale per la Campania, Molise, Puglia e Basilicata - Stazione Unica Appaltante Napoli 1
Mincione Maria Teresa

Sezione Dati generali

Affidamento in concessione del servizio accertamento, verifica e riscossione coattiva di IMU, TIA, TARES, TARI, TASI e di tutte le entrate comunali accertabili e non scadute fino alla scadenza contrattuale, del servizio di supporto alla riscossione ordinaria dellIMU, della TARI e del servizio di accertamento e riscossione volontaria e coattiva dellimposta comunale sulla pubblicita, dei diritti sulle pubbliche affissioni, del canone per loccupazione di spazi ed aree pubbliche (COSAP) della tassa rifiuti giornaliera, del servizio di supporto alla compartecipazione alla ricerca dellevasione erariale del comune di Nola (NA) - CIG : 8505965060
Servizi
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
3.500.000,00 €
03/02/2021
26/02/2021 entro le 12:00
G00363
In aggiudicazione

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta amministrativa
Busta tecnica
  • Progetto organizzativo del servizio
Busta economica
  • Offerta economica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 19/02/2021
    R: Chiarimenti procedura C.I.G. 8505965060 - QUESITO 1.Il requisito di aver nel proprio organico almeno 1(uno) ufficiale della riscossione previsto allart.6 pag.7 del capitolato di gara non è previsto nel disciplinare; trattasi di refuso? RISPOSTA No, non è un refuso il requisito è richiesto al paragrafo 5.3.1 DICHIARAZIONI INTEGRATIVE, punto 8 del disciplinare di gara.
  • Pubblicato il 19/02/2021
    R: Ns. richiesta prot.n.09 del 09-02-2021 - QUESITO La scrivente Società, essendo interessata alla partecipazione alla gara in oggetto, letto gli atti di gara pubblicati rispettivamente all' Albo pretorio del Comune di Nola e nel Portale delle gare di appalto del Provveditorato Interregionale per le OO.PP. per la Campania, il Molise e la Basilicata, fa presente quanto segue. Nell' art. 6 del Capitolato speciale di appalto, al punto "Capacità tecnico-organizzativa (art. 83, c.1, lett. e)", tra i requisiti richiesti ai partecipanti, vi è il "possesso di una valutazione di conformità del proprio Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni ai sensi della norma UNI CEI 150/IEC 27001:2017". Tale requisito, a parere della scrivente, è del tutto eccessivo e limita oltremodo la platea dei possibili concorrenti alla predetta gara a tal punto da ledere il principio, giuridicamente protetto, della garanzia della massima partecipazione. ln particolare, tale requisito, attiene strettamente alla conformità alla norma UNI CEI 150/IEC 27001:2017 del sistema informatico utilizzato per la gestione di tutti i dati riferiti ai contribuenti e contenuti in apposite banche dati. Lo stesso Capitolato, però, al successivo art. 09 "Obblighi dell' Affidatario", al punto K) stabilisce che il soggetto che gestirà è obbligato a "Utilizzare per le attività del presente servizio il software in uso all'ente "Advanced System", per il quale l'ente provvederà all'abilitazione di un numero utenze pari agli operatori che verranno segnalati dall'aggiudicatario. li costo annuale di manutenzione e aggiornamento del predetto software sarà a carico dell'aggiudicatario." li che è del tutto evidente che l'aggiudicatario dei servizi non è e non sarà mai il gestore della sicurezza delle informazioni, essendo tale ruolo esclusivamente a carico della Società "Advanced System" presso la quale sono mantenute tutte le banche dati contenti i dati sensibili ed alla quale il Comune di Nola si dovrà rivolgere per ottenere la valutazione di conformità del sistema di gestione della sicurezza dei dati Inoltre, tale gara è riservata a tutti i soggetti iscritti nell'Albo tenuto presso il Ministero dell'Economia e Finanze istituito con l'art.53 del D.LGS. 446/97 aventi requisiti finanziari idonei (capitale Sociale pari ad almeno 2.500.000,00). Ad oggi in tale Albo sono iscritti, compreso la scrivente, n.81 Società di cui n. 45 aventi il requisito finanziario idoneo alla partecipazione e, di questi ultimi, solo n.4 in possesso della certificazione UNI CEI ISO/IEC 27001:2017. Per tutto quanto suddetto è del tutto evidente, a parere della scrivente, che il requisito richiesto riferito al possesso di una valutazione di conformità del proprio Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni sia eccessivo e soprattutto non necessario e quindi vada rimosso permettendo la partecipazione alla gara bandita del maggior numero di concorrenti a salvaguardia del principio essenziale nelle pubbliche gare consistente nel favor partecipationis, ossia nell'interesse pubblico all'ampliamento della platea delle . . imprese m gara. Si chiede, pertanto, che venga espunto il requisito riferito al "possesso di una valutazione di conformità del proprio Sistema di Gestione della Sicurezza delle Informazioni ai sensi della norma UNI CEI ISO/IEC 27001:2017" inserito nell'art. 6 del Capitolato speciale di appalto, al punto "Capacità tecnicoorganizzativa (art. 83, c.l, lett. c)". RISPOSTA La norma ISO 27001 non è uno standard di sicurezza unicamente informatica in quanto, oltre alla sicurezza logica, include la sicurezza fisica e la sicurezza organizzativa ed è evidente che negli appalti come quello di specie sia imprescindibile orientarsi verso fornitori che siano in grado di garantire determinati livelli di sicurezza. Tuttavia al ricorrere delle condizioni di cui allarticolo 87, comma 1 del Codice, verranno accettate anche altre prove relative allimpiego di adeguate misure equivalenti.
  • Pubblicato il 19/02/2021
    R: Ns. richiesta prot.n.12 del 11-02-2021 - QUESITO La Scrivente Società, essendo interessata alla partecipazione alla gara in oggetto, letto gli atti della predetta procedura pubblicati rispettivamente allAlbo pretorio del Comune di Nola e nel Portale delle gare di appalto del Provveditorato Interregionale per le OO.PP. per la Campania, il Molise e la Basilicata, fa presente quanto segue. Con determinazione n.78/2021 del 30/01/2021 del Comune di Nola- Area Settore Amministrativo-Finanziario avente per oggetto DETERMINAZIONE A CONTRARRE PER LAFFIDAMENTO IN CONCESSIONE, MEDIANTE PROCEDURA APERTA, DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE E PATRIMONIALI PER IL PERIODO 2021/2026 (CIG 8505965060) RETTIFICA E INTEGRAZIONE DETERMINAZIONE N. 20/2021 del 16/01/2021, il Responsabile Unico del Procedimento approvava il testo definito del Capitolato Speciale di Appalto della gara indicata in oggetto. In detto Capitolato nellart. 06 al punto Capacità economico e finanziaria (art.83, c.1, lett.b) tra i requisiti richiesti ai partecipanti vi è la dimostrazione del fatturato globale dimpresa minimo, realizzato negli ultimi tre esercizi finanziari (2017/2018/2019), che dovrà essere complessivamente dimporto non inferiore ad 1.400.000,00 (euro unmilionequattrocentomila/00), I.V.A. esclusa, pari al doppio del valore annuo dellappalto (valore 700.000,00). Nel disciplinare predisposto e pubblicato dalla SUA di Napoli anziché recepire quanto stabilito nel già menzionato Capitolato Speciale di appalto, al punto 7.2 lett. e) si legge che il requisito richiesto è la dimostrazione di un fatturato globale medio annuo riferito agli ultimi tre esercizi finanziari disponibili non inferiore ad 1.400.000,00; Si chiede, pertanto, che tale discrasia sia corretta adeguando il requisito richiesto nel Disciplinare di gara con quello indicato nel Capitolato Speciale di Appalto approvato al fine di evitare di generare sicuri contenziosi dettati dalla evidente difformità degli atti di gara. Distinti saluti RISPOSTA Lart.83 comma 4 lett. a) del d.lgs 50/2016 recita per gli appalti di servizi e forniture, ai fini della verifica del possesso dei requisiti di cui al comma 1, lettera b), le stazioni appaltanti, nel bando di gara, possono richiedere a) che gli operatori economici abbiano un fatturato minimo annuo, compreso un determinato fatturato minimo nel settore di attività oggetto dell'appalto. Lo stesso articolo precisa che Il fatturato minimo annuo richiesto ai sensi del comma 4, lettera a) non può comunque superare il doppio del valore stimato dell'appalto, calcolato in relazione al periodo di riferimento dello stesso, che in questo caso è 1.400.000(.3.500.000:5x2). Analogamente lANAC nel bando tipo 1 richiede Fatturato globale medio annuo riferito agli ultimi n. .. [indicare da uno a massimo tre] esercizi finanziari disponibili non inferiore ad .IVA esclusa (cfr. allegato XVII al Codice) Come risulta evidente il requisito richiesto risponde puntalmente al disposto normativo vigente e non è seriamente contestabile la legittimità. Neppure soccore a legittimare il rilievo la supposta difformità degli atti gara che è risolta ab origine con il principio della prevalenza del disciplinare di gara lex specialis su tutti gli altri atti, principio peraltro espressamente richiamato allart. 27 del disciplinare stesso. Ad ogni modo questa Amministrazione al fine di consentire, nella tutela dell'interesse pubblico ad avere il più ampio numero di potenziali partecipanti, ha previsto ampie forme di partecipazione in raggruppamento (infra i requisiti di cui al punto 7 lett. e), f) e g) deve essere soddisfatto dal raggruppamento temporaneo nel complesso)
  • Pubblicato il 15/02/2021
    R: Gara l Comune di Nola (NA) - CIG8505965060 - QUESITO Per l'assolvimento degli obblighi fiscali, sul versamento dell'imposta di bollo su Mod. F24, bisogna indicare il CIG della procedura, si chiede se quest'ultimo possa essere inserito nella sezione erario, campo codice atto, perché sul modello F24, non esiste un campo descrizione. RISPOSTA Si, ha ragione. Il Mod. F24 non prevede l'inserimento di dati ulteriori. Può lasciare il modello senza il CIG
  • Pubblicato il 15/02/2021
    R: richiesta chiarimenti - QUESITO 1 Si chiede di conoscere l'ammontare delle entrate comunali scadute e non riscosse, che l'Ente deve avviare a riscossione coattiva (importi e flussi). RISPOSTA - si allega un prospetto delle entrate comunali di prossima scadenza da avviare alla riscossione coattiva. I totali saranno soggetti a variazione essendo in corso attività di front-office per avvisi notificati entro il 31/12/2020. QUESITO 2 Per ciò che attiene agli oneri di riscossione previsti dalla L. 160/2019, si chiede di specificare a chi spettano: RISPOSTA - per la riscossione coattiva è stato posto un aggio a base d'asta a favore del concessionario nella misura del 6% (da porre a carico del contribuente) e non è aggiuntivo rispetto alla quota prevista dall'art. 1, comma 803, lett. a) della L. 27/12/2019 n. 160. QUESITO 3 Si prega di specificare, anche, quale è il software attualmente in uso. RISPOSTA - il software in uso è ADVANCED SYSTEM QUESITO 4 Si chiede, per ciò che attiene le spese di notifica, se è previsto il rimborso. RISPOSTA - è previsto il rimborso per le notifiche effettivamente consegnate da porre a carico del contribuente QUESITO 5 In aggiunta, si pone un ulteriore quesito riguardante l'attività di riscossione coattiva posta in essere dall'eventuale gestore uscente, se tali attività continuano in capo al precedente gestore o vengono trasmesse al nuovo aggiudicatario. RISPOSTA - le attività di riscossione coattive già affidate ad Agenzia Entrate Equitalia, restano a carico della medesima QUESITO 6 Con riferimento alla procedura in oggetto, al fine di una corretta valutazione della documentazione di gara ed economica, si richiedono i seguenti chiarimenti: -si chiede di conoscere i dati relativi ai gettiti delle entrate oggetto del servizio mediante la compilazione dell'allegata scheda informativa. In particolare, per l'IMU si chiede di evidenziare la parte di spettanza dello Stato; RISPOSTA - in merito leggasi l'allegato "B" e l'allegato "C" QUESITO 7 -si chiede di conoscere se è stata già effettuata una verifica tributaria (accertamento), in che anni e relativa a quali entrate oggetto di gara RISPOSTA - in merito leggasi l'allegato 1 QUESITO 8 -si chiede di conoscere se i servizi posti in gara sono stati in passato esternalizzati e a quali soggetti; RISPOSTA - i servizi oggetto di gara non sono stati esternalizzati QUESITO 9 -si chiede di conoscere il software attualmente in uso per la gestione dei servizi oggetto di gara; RISPOSTA - il software in uso è ADVANCED SYSTEM QUESITO 10 -Relativamente alla riscossione coattiva entrate che prevede un aggio a base d'asta pari al 6%, si chiede di conoscere l'ammontare dei crediti IMU/TARI (ed il numero delle posizioni) da sottoporre a riscossione coattiva a seguito accertamenti definitivi emessi dal Comune., RISPOSTA - si allega un prospetto (all. A) delle entrate comunali di prossima scadenza da avviare alla riscossione coattiva. I totali saranno soggetti a variazione essendo in corso attività di front-office per avvisi notificati entro il 31/12/2020. QUESITO 11 -si chiede di chiarire se l'aggio fisso per la riscossione coattiva (6%) debba intendersi aggiuntivo rispetto alla quota che la legge (art. 1, comma 803, lett. a) della L. 27/12/2019, n. 160) permette di porre a carico del contribuente a titolo di oneri di riscossione e se tali oneri di riscossione sono anch'essi di spettanza del Concessionario; RISPOSTA - per la riscossione coattiva è stato posto un aggio a base d'asta a favore del concessionario nella misura del 6% (da porre a carico del contribuente) e non è aggiuntivo rispetto alla quota prevista dall'art. 1, comma 803, lett. a) della L. 27/12/2019 n. 160. QUESITO 12 -si chiede di chiarire se le spese postali e/o di notifica per gli avvisi ordinari e gli atti di accertamento di tutte le entrate oggetto di gara sono rimborsate dall'Ente al concessionario. RISPOSTA - saranno rimborsate al concessionario sulla base di quanto risulterà regolarmente notificato e riscosso. QUESITO 13 -di chiarire se le spese postali e/o di notifica (riscossione coattiva) e le spese relative a procedure esecutive, in caso di mancata riscossione per inesigibilità, sono rimborsate dall'Ente al Concessionario. RISPOSTA - nei casi di mancata riscossione per inesigibilità non saranno rimborsate QUESITO 14 Spett.le Ente , in merito alla procedura in oggetto la scrivente, al fine di elaborare un budget economico finanziario congruo e coerente della commessa richiede i seguenti dati relativi alla gestione ordinaria e riscossione volontaria: Lista di carico Tari (n. utenze e importo) anni 2019 e 2020; -in merito leggasi l'allegato D - E Imu: Numero contribuenti e importo anni 2019 e 2020 ICP, DPA e Cosap: numero posizioni e importi anni 2019 e 2020 di seguito si forniscono gli importi riscossi nel 2019/2020: - COSAP = 2019 234.281,00 anno 2020 212.199,00 - DPA = 2019 2.120,00 anno 2020 11.074,00 - ICP = 2019 70.146,00 anno 2020 33.080,00

[ Torna all'inizio ]