[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 01/03/2021

Sezione Stazione appaltante

Provveditorato interregionale per la Campania, Molise, Puglia e Basilicata - Stazione Unica Appaltante Napoli 1
RICCARDI ANTONIO

Sezione Dati generali

Affidamento in concessione del Servizio di accertamento, riscossione volontaria e coattiva della TARES, TARI, TASI Servizio di accertamento riscossione coattiva dell'IMU Servizio di accertamento, riscossione, volontaria e coattiva, delle entrate minori - Servizio di notifica atti, costituzione in mora e riscossione coattiva dei canoni idrici - Servizio di supporto alla riscossione ordinaria dell'IMU, per la durata di anni cinque nel Comune di Quarto (NA) - CIG : 8553040FE0
Servizi
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
4.726.332,00 €
01/02/2021
09/03/2021 entro le 12:00
G00361
In corso

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta amministrativa
Busta tecnica
  • TUTTO QUANTO RICHIESTO AL PUNTO 16 DEL DISCIPLINARE DI GARA
Busta economica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 01/03/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 10 - QUESITO NR. 10 Chiarimenti 1.Software utilizzato dall'Ente per i servizi oggetto di affidamento 2.Mi conferma che il corrispettivo del 16% è dovuto anche per il Servizio di riscossione coattiva delle entrate tributarie per i servizi IMU- TASI TARES TARI e non solo per il servizio di notifica atti costituzione in mora e riscossione coattiva dei canoni idrici così come previsto dalla documentazione di gara? 3.Si riscontra un incongruenza tra il punto 1.3 del progetto tecnico tra disciplinare (Numero ulteriore di unita di personale impiegate, oltre a quelle richieste dallart.16 del Csa con relative qualifiche, titoli di studio, abilitazioni professionali e attività formative specifiche, esperienza nel settore, funzioni assegnate - preferenze per unita con contratto full time) e capitolato (Numero di unita di personale impiegate, relative qualifiche, titoli di studio, abilitazioni professionali e attività formative specifiche, esperienza nel settore, funzioni assegnate - preferenze per unita con contratto full time); può chiarire qual è il testo corretto? 4.Dati economici relativi ai tributi ed entrate oggetto di affidamento: a.Incasso IMU 2018-2019-2020 b.Num. contribuenti che hanno effettuato almeno un versamento IMU negli anni 2018-2019-2020; c.Incasso Tasi 2017-2018-2019; d.Num. contribuenti che hanno effettuato almeno un versamento TASI negli anni 2017-2018-2019; e.Numero utenze domestiche e non domestiche TARI attive al 01/01/2020; f.Numero contribuenti e importo lista ordinaria TARI 2020; g.Imponibile TOSAP 2017-2018-2019-2020; h.Num. autorizzazioni TOSAP attive al 01/01/2020 compreso occupazioni mercato a posto fisso; i.Imponibile ICP-2017-2018-2019-2020; j.Num. autorizzazioni ICP attive al 01/01/2020; k.Ultima annualità accertata per omesso/insufficiente pagamento TARI; l.Ultima annualità accertata per omessa/infedele denuncia TARI; m.Ultima annualità accertata per IMU e TASI; n.Ultima annualità accertata per omesso/insufficiente pagamento ICP e TOSAP; o.Numero, tipologia, superficie e stato degli impianti di affissione attualmente installati p.L'Ente è in possesso di un Piano Generale degli impianti? 5.In caso di riscossione degli avvisi di accertamento IUC (IMU,TASI e TARI), ICP e TOSAP, ecc. in fase coattiva/esecutiva saranno riconosciuti all'affidatario entrambi gli aggi previsti per i rispettivi servizi (b o c + d dellart.4 del capitolato)? RISPOSTA AI QUESITI nr. 10 1. il software utilizzato dall'ente per i servizi oggetto della gara è della società Advancedsystems Spa. 2. Si, confermo che il corrispettivo del 16% è dovuto anche per il Servizio di riscossione coattiva delle entrate tributarie per i servizi IMU- TASI TARES TARI e non solo per il servizio di notifica atti costituzione in mora e riscossione coattiva dei canoni idrici così come previsto dalla documentazione di gara. 3.Entrambi i testi sono corretti - Non c'è alcuna incongruenza tra quanto indicato al punto 1.3 della griglia contenente i fattori ponderali da porre a confronto di cui all'art. 18.1 del Disciplinare di gara e quanto indicato all'art. 16 del capitolato. Difatti lo scopo del punto 1.3 della griglia è quello di voler premiare l'operatore economico che mette a disposizione dell'Ente, oltre al personale di cui all'art. 16 del CSA, coloro che indicheranno un numero ulteriore di unità di personale da impiegare per il servizio. 4. I dati richiesti trovano risposta nell'allegato contenente i prospetti di dettaglio dei tributi con le varie annualità oggetto dell'appalto al quesito NR 3 5. Si, saranno riconosciuti aggi diversi a seconda dei tributi trattati ( IUC o tributi minori / CUP).
  • Pubblicato il 01/03/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 9 - QUESITO NR. 9 1. Si chiede di sapere se i requisiti formali da rispettare nella stesura del progetto tecnico siano quelli indicati al disciplinare di gara (art. 16) oppure quelli indicati nel capitolato allart.10; in questo secondo articolo, infatti, sono indicati requisiti non presenti nel dettato del disciplinare di gara. 2. In merito alla sede territoriale da allestire per le attività di assistenza al front office, per una corretta formulazione dell'offerta economica che tenga conto di tutti i costi da sostenere nel corso della gestione delle attività, si chiede di indicare, per i locali di proprietà comunale indicati allart.5 del capitolato di gara e che si rendessero disponibili: -le caratteristiche strutturali (ampiezza, ubicazione), se già nota; - il costo (o almeno una previsione del costo) dell'eventuale locazione dei locali che l'Ente potrà mettere a disposizione nel caso chiarire l'eventuale costo della locazione indicati allart.5 del capitolato di gara. RISPOSTA QUESITO NR. 9 1. I requisiti formali da rispettare nella stesura del progetto tecnico sono quelli indicati nel disciplinare di gara (art. 16). 2 - Al momento non vi sono strutture comunali disponibili. Nella programmazione triennale potranno essere disponibili.
  • Pubblicato il 01/03/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 8 - QUESITO NR. 6 Spett.le Ente, in merito alla procedura in oggetto la scrivente, al fine di elaborare un budget economico finanziario congruo e coerente e nell'ottica di una reciproca collaborazione, segnala quanto segue: Il Capitolato di gara, art. 4, stima i costi della manodopera ai sensi dell'art. 23 comma 16 del Codice, in 650.000,00 per il quinquennio. All'art. 16 dello stesso Capitolato, per l'esecuzione dei servizi in oggetto, dispone che il concessionario impieghi un gruppo di lavoro stabile costituito da almeno n. 5 unità di personale a tempo pieno, oltre n. 1 funzionario responsabile del Servizio. Premesso che secondo la scrivente, considerata la dimensione del Comune e i servizi richiesti il numero delle persone indicate non si ritiene congruo, evidenziamo anche che il costo del personale indicato appare sottodimensionato. Ed infatti: N. 2 Impiegato di concetto 3. LIVELLO 40 H (Coordinatori - Addetti front/back office) EURO 34.000,00 cadauno n. 1 Impiegato d'ordine 4. livello 40 H (Addetto front/back office) Euro 32.000,00 n. 2 Impiegato d' ordine 5 livello 40 h (Addetto al Call Center) 30.000,00 cadauno n. 1 Operaio comune 6 livello 28 h (Addetto attività sul territorio- attacchino/spuntista) euro 27.000,00 Pertanto, il costo annuo lordo risulta di circa 187.000,00 che moltiplicato per cinque anni è di 935.000,00, nettamente superiore a quanto stimato dalla Stazione Appaltante. Si chiede inoltre se è possibile indicare, in luogo della presentazione del certificato di iscrizione all'albo, autocertificazione con link al sito MEF da cui si evince l'iscrizione, in quanto i tempi di emissione del certificato da parte del ministero risultano più lunghi a causa sia dell' emergenza covid, sia del personale ministeriale che lavora in smart working. Restiamo pertanto in attesa di cortese riscontro della presente, e con l'occasione porgiamo Distinti Saluti RISPOSTE FORNITA DAL RUP IN DATA 27.02.2021 I costi della spesa di personale indicati nel Capitolato sono relativi al tabellare stipendiale spettante del CCNL del Commercio, terziario , distribuzione e servizi .
  • Pubblicato il 01/03/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 7 - QUESITO NR. 7 Al fine di poter formulare una offerta, il più possibile congeniale alle esigenze della S.A., lo scrivente operatore economico chiede che, la stessa, specifichi, sia per quanto riguarda l'IMU, la TASI, la TARI che per gli altri tributi oggetto d'affidamento, per quali annualità, per quali tipologie, quali importi ed il numero di atti è stato oggetto di attività accertativa già realizzata, nonché per ciò che attiene la riscossione coattiva. Si chiede, inoltre, di conoscere l'ammontare delle entrate comunali scadute e non riscosse, che l'Ente deve avviare a riscossione coattiva (importi e flussi). Per ciò che attiene agli oneri di riscossione previsti dalla L. 160/2019, si chiede di specificare a chi spettano. Si prega di specificare quale è il software attualmente in uso all'Ente. Si prega di specificare, inoltre, se i rispettivi aggi sono cumulativi. Si chiede, per ciò che attiene le spese di notifica, se è previsto il rimborso e in che misura. In aggiunta, si pone un ulteriore quesito riguardante l'attività di riscossione coattiva posta in essere dal gestore uscente, si chiede all'illustrissima S. A. se tali attività continuano in capo al precedente gestore o vengono trasmesse al nuovo aggiudicatario. In attesa di cortese riscontro si porgono cordiali saluti. RISPOSTE FORNITA DAL RUP IN DATA 27.02.2021 I quesiti posti dal concorrente sono stati chiariti ed illustrati nelle risposte già pubblicati al QUESITO N. 2, N.5 e N.6 nonché nell'allegato nr. 5 con prospetti di dettaglio.
  • Pubblicato il 01/03/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 6 - QUESITO NR. 6 Con riferimento alla procedura in oggetto, al fine di una corretta valutazione della documentazione di gara ed economica, si richiedono i seguenti chiarimenti: -si chiede di conoscere i dati relativi ai gettiti delle entrate oggetto del servizio mediante la compilazione dell'allegata scheda informativa. In particolare, per l'IMU si chiede di evidenziare la parte di spettanza dello Stato; -relativamente al servizio idrico si chiede di conoscere l'ammontare e il numero di posizioni annue da sottoporre a costituzione in mora e successiva riscossione coattiva. -si chiede di conoscere se è stata già effettuata una verifica tributaria (accertamento), in che anni e relativa a quali entrate oggetto di gara -si chiede di conoscere se i servizi posti in gara sono stati in passato esternalizzati e a quali soggetti; -si chiede di conoscere il software attualmente in uso per la gestione dei servizi oggetto di gara; -Qualora presenti, si chiede di conoscere l'ammontare di eventuali crediti Tributari ed extratributari (ed il numero delle posizioni) da sottoporre a riscossione coattiva a seguito accertamenti definitivi emessi dal Comune. -si chiede di chiarire se l'aggio per la riscossione coattiva a seguito di accertamenti emessi (16% è 18%) debba intendersi aggiuntivo rispetto alla quota che la legge (art. 1, comma 803, lett. a) della L. 27/12/2019, n. 160) permette di porre a carico del contribuente a titolo di oneri di riscossione e se tali oneri di riscossione sono anch'essi di spettanza del Concessionario; -si chiede di chiarire se le spese postali e/o di notifica per gli avvisi ordinari e gli atti di accertamento e di costituzione in mora per l'idrico sono rimborsate dall'ente al concessionario. -Si chiede di chiarire se le spese postali e/o di notifica (riscossione coattiva) e le spese relative a procedure esecutive, in caso di mancata riscossione per inesigibilità, sono rimborsate dall'Ente al Concessionario. In attesa di un riscontro, si porgono distinti saluti RISPOSTE FORNITA DAL RUP IN DATA 27.02.2021: 1- I dati relativi ai gettiti di entrate oggetto del servizio per gli anni precedenti per IMU/TASI e TARI sono riportato in un prospetto di dettaglio che sarà a disposizione sul sito della gara. 2 - relativamente al servizio idrico le posizioni si attestano intorno n. 5.195 l'ammontare a circa 1.100.000,00. 3 - L'attività verifica tributaria di accertamento è stata fatta per le annualità 2013/2014/2015 per la TARI negli anni 2018, 2019 e 2020. Mentre per l'IMU/TASI anni 2012/2013/2014/2015. 4 - I servizi posti in gara gli unici esternalizzati e tutt'ora in concessione sono i tributi minori. 5 - I programmi in uso per i tributi comunali, gestiti direttamente dall'ente IMU/TASI/ TARI sono della società ADVANCEDSYSTEMS. 6 - Attualmente gli accertamenti definiti emessi dal comune fino all'anno 2015 relativi alla TARI , ed acquedotto sono stati già trasmessi al concessionario Agenzia delle riscossione. Al momento le attività a farsi riguardano le annualità 2016 e seguenti. 7 - Gli oneri previsti quale quota a carico dei contribuenti ( art. 1, comma 803, lett. a)per l'attività di accertamento sono di spettanza del concessionario, pertanto , si intendono aggiuntivi rispetto all'aggio. 8 - le spese postali e di notifica per gli avvisi di costituzione in mora sono a carico del contribuente e saranno anticipati dal concessionario e rimborsati dall'ente. 9 - Le spese postali e/o di notifica (riscossione coattiva ) e le spese relative a procedure esecutive, in caso di mancata riscossione per inesigibilità, vengono rimborsate dall'Ente al Concessionario con le modalità previste dalla normativa vigente.
  • Pubblicato il 01/03/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 5 - QUESITO N. 5 Buonasera, con la presente siamo a richiedere quanto segue: Quesito 1. A maggiore dettaglio degli importi presenti alle pagg. 5-6 del capitolato, si chiede cortesemente di compilare l'allegata scheda dati. Quesito 2. Si chiede di conoscere se nel limite di 40 pagine previsto dall'art. 10 del capitolato debbano essere compresi anche la copertina e l'indice. Quesito n. 3. Si chiede di conoscere, sempre con riferimento al contenuto dell'art. 10 del capitolato, se l'indice analitico del progetto debba essere previsto specificamente per ciascuna sezione progettuale, o possa essere previsto un unico indice relativo all'intera struttura del progetto. Quesito n. 4. Con riferimento al punto 3.2 della tabella dei criteri e dei punteggi qualitativi di cui alla pag. 9 del capitolato, si chiede di conoscere quali siano i programmi informatici già in uso presso lente per la gestione dei tributi e delle entrate oggetto di gara. Quesito n. 5. Analogamente, e con riferimento al punto progettuale n. 2.1, si chiede di conoscere quali siano il SIC e il SIT attualmente in uso all'Ente. Quesito n. 6. Con riferimento al punto 1.3 della stessa tabella di cui a pag. 9 del capitolato, si chiede ragguaglio sul fatto che nello stesso punto debbano essere descritti anche i profili professionali delle figure impiegate, mentre nella stessa tabella presente nel disciplinare il punteggio per il punto in parola sia definito di tipo quantitativo, considerando che, secondo quanto indicato in nota nel punto 18.1 dello stesso disciplinare i punteggi quantitativi sono quelli il cui punteggio è attribuito mediante applicazione di una formula matematica. Quesito n. 7. Si chiede di conoscere se i costi per gli invii postali degli atti relativi alla riscossione ordinaria e per i provvedimenti per i quali è prevista una notifica non pagati dai contribuenti, nonché i costi per le procedure coattive, siano rimborsati dall'Ente o restino in carico al Concessionario. In attesa di un riscontro in merito, porgiamo cordiali saluti. RISPOSTA FORNITA DAL RUP IN DATA 27.02.2021: 1. vedi scheda allegata debitamente compilata per le attività svolte dall'ente, per quelle non compilate riguardano l'attività di recupero (solleciti ed accertamenti per le annualità dal 2016 in poi) che sono oggetto del presente appalto. 2. Nel limite delle 40 pagine sono da escludere la copertina e l'indice. 3. L'indice analitico del progetto può essere previsto in entrambi i modi. Laddove l'Operatore Economico intende proporre un unico indice relativo all'intera struttura del progetto, lo stesso, dovrà separare ciascuna sezione progettuale. 4. I programmi in uso per i tributi comunali, gestiti direttamente dall'ente, IMU/TASI/ TARI sono della società ADVANCEDSYSTEMS. 5. Per le verifiche il comune utilizza il SIATEL punto fisco, il SISTER per catasto e conservatoria, inoltre con il programma gestionale in uso c'è la possibilità delle verifiche catastali. 6. Lo scopo del sub-criterio è quello di individuare l'ulteriore numero di unità di personale impiegate (preferenze per unità con contratto full time). Non a caso l'attribuzione del punteggio avverrà mediante applicazione di una formula matematica. La descrizione dei profili professionali delle figure impiegate, servirà, in caso di aggiudicazione, a poter verificare l'esatto organigramma della società. 7. I costi per spese di recapito postale per l'invio ordinario sono a carico della concessionaria senza rimborso da parte dell'ente, le spese postali e/o recapito indicate nei provvedimenti notificati atti di accertamento non pagati dai contribuenti vengono anticipate dal concessionario e rimborsate dall'ente. Mentre per i costi delle procedure coattive restano in carico al Concessionario
  • Pubblicato il 25/02/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 4 - QUESITO NR. 4 In relazione al requisito relativo all'iscrizione all'Albo dei Concessionari abilitati alla gestione delle attività di liquidazione e di accertamento dei tributi di cui all'art. 53 del D.Lgs n. 446/1997, si chiede di chiarire se, in caso di partecipazione in RTI, tale requisito deve essere posseduto da tutte le imprese del raggruppamento o se detto requisito possa ritenersi soddisfatto qualora posseduto dall'impresa mandataria del RTI RISPOSTA QUESITO NR. 4 Così come indicato al punto 7.4 del Disciplinare di gara, è sufficiente che l'iscrizione all'Albo dei Concessionari abilitati alla gestione delle attività di liquidazione e di accertamento dei tributi di cui all'art. 53 del D.Lgs n. 446/1997, sia posseduta dalla mandataria.
  • Pubblicato il 25/02/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 3 - QUESITO NR. 3 Si chiede se per l'assolvimento degli obblighi fiscali in materia di bollo previsti nel disciplinare di gara, in luogo del modello F24 è possibile utilizzare il modello F23. In attesa di un cortese riscontro si porgono distinti saluti RISPOSTA QUESITO NR. 3 Così come indicato al punto 15.1 del disciplinare di gara e, così come disposto dall'Agenzia delle Entrate con provvedimento del 27.01.2020, a partire dal 1° settembre 2020, il suddetto obbligo fiscale è effettuato esclusivamente con il modello F24.
  • Pubblicato il 15/02/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 2 - QUESITO NR. 2 con la presente siamo a richiedervi le seguenti delucidazioni: 1) le spese postali e/o di notifica per gli avvisi ordinari e gli atti di accertamento di tutte le entrate oggetto di gara sono rimborsate dall' ente al concessionario? 2) le spese postali e/o di notifica (riscossione coattiva) e le spese relative a procedure esecutive, in caso di mancata riscossione per inesigibilità, sono rimborsate dall' Ente al Concessionario? 3) La ditta aggiudicataria è autorizzata a portare a compimento, anche dopo la scadenza del contratto, le attività di riscossione degli atti emessi negli anni di propria gestione, maturandone anche il proprio aggio? 4) Si chiede di sapere se la quota che la legge (art.1 comma 803 lett a) della L. 27/12/2019 N, 160) permette di porre a carico del contribuente a titolo di oneri di riscossione cono di spettanza del concessionario. RISPOSTA AL QUESITO NR. 2 1)SI CONFERMA CHE le spese postali e/o notifiche vengono rimborsate dall'ente al concessionario per gli atti ordinari di accertamento. 2)SI CONFERMA CHE, le spese postali e/o di notifica (riscossione coattiva) e le spese relative a procedure esecutive, in caso di mancata riscossione per inesigibilità, vengono rimborsate dall' Ente al Concessionario con le modalità previste dalla normativa vigente. (vedi risposta quesito n. 1) 3)la ditta aggiudicataria è autorizzata a portare a compimento, anche dopo la scadenza del contratto, le attività di riscossione degli atti emessi negli anni di propria gestione, maturandone anche il proprio aggio. SI PREVIA RENDICONTAZIONE 4)SI CONFERMA CHE le quota che la legge (art.1 comma 803 lett a) della L. 27/12/2019 N, 160) permette di porre a carico del contribuente a titolo di oneri di riscossione sono di spettanza del concessionario.
  • Pubblicato il 15/02/2021
    QUESITO E RISPOSTA N. 1 - QUESITO NR. 1 Premesso che: L'art.2 del Capitolato Speciale d'Appalto prevede il discarico delle partite inesigibili e non stabilisce nulla in merito alle spese di notifica e di procedura si chiede di confermare: 1. che al concessionario spettano tutte le spese di notifica e, o procedura pagate dai contribuenti; 2. che la stazione appaltante rimborserà al concessionario le spese di procedura relative alle quote inesigibili riconosciute come tali ai sensi del CSA e della normativa vigente. RISPOSTA AL QUESITO NR. 1 Il rimborso delle spese di notifica e di procedura sostenute per le quote inesigibili definitive saranno rimborsate dall'ente al concessionario, previo comunicazione dell'inesigibilità provvisoria e solo dopo aver dimostrato le azioni messe in campo nel triennio dal momento della comunicazione di inesigibilità, secondo quanto previsto dalle tabelle ministeriali aggiornate e dalla normativa vigente.

[ Torna all'inizio ]