[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 10/01/2020

Sezione Stazione appaltante

Provveditorato interregionale per la Campania, Molise, Puglia e Basilicata - Stazione Unica Appaltante Napoli 1
RICCARDI ANTONIO

Sezione Dati generali

Servizio di igiene urbana e gestione del centro di raccolta nel Comune di Quarto (NA) - CIG : 8089859AD4 - CUP : G29E19000760004
Servizi
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
17.605.000,00 €
22/11/2019
03/01/2020 entro le 12:00
G00219
In aggiudicazione

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta amministrativa
Busta tecnica
  • TUTTO QUANTO RICHIESTO DAL PUNTO 16 AL PUNTO 18 DEL DISCIPLINARE DI GARA
Busta economica
  • Offerta economica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 10/01/2020
    I AVVISO IN MATERIA DI TRASPARENZA - I AVVISO IN MATERIA DI TRASPARENZA
  • Pubblicato il 30/12/2019
    QUESITO E RISPOSTA N. 4 - QUESITO n. 4 Con la presente si comunica che risulta impossibile stampare il contributo ANAC per poi procedere al pagamento in quanto risulta non completata la procedura da parte Vostra. in attesa RISPOSTA QUESITO N. 4 Si comunica che da parte nostra la procedura è completata.
  • Pubblicato il 17/12/2019
    QUESITO E RISPOSTA N. 3 - QUESITO n. 3 Si rappresenta che all'art. 63 del C.S.A., in riferimento alla determinazione del parco mezzi, appare che codesta Amministrazione abbia inteso l'elenco riportato, in termini quantitativi e tipologici, quale minimale all'esecuzione dei servizi. Si prevede l'impiego di una serie di automezzi per la regolare esecuzione che dovrà essere intesa come dotazione minima per lo svolgimento del servizio. N. Mezzi Tipologia Automezzi 4 Autocompattatore grande capacità 26/28 mc, (di cui n° 02 già di proprietà del Comune) 20 Mini costipatore/compattatore 7-10 mc (di cui uno già di proprietà del Comune) attrezzati con volta cassonetti e contenitori del volume di lt. 80 120 240. 1 Mini costipatore a vasca 5 mc (già di proprietà del Comune) 1 Auto carro multi lift 2 Spazzatrice compatta da 5/6 mc 1 Mini pala gommata o semovente (già di proprietà del Comune) 1 Furgone (già di proprietà del Comune); 1 Automezzo con pedana idraulica (per ritiro ingombranti) 1 Auto carro con sistema multi lift Detto elenco risulta presumibilmente basato sulla redazione delle norme di conduzione dei servizi di cui agli art. 48 e seguenti dello stesso Capitolato. Si osserva, da una prima analisi, che i mezzi satellite previsti (vasche o costipatori da 7/10 mc), oltre a costituire una soluzione dal punto di vista tecnologico di tipologia piuttosto tradizionale (nel caso della volumetria maggiore, francamente difficilmente disponibili sul mercato), richiedono, per la loro conduzione, il possesso della patente di tipo "C e relativo CQC. Lo studio preliminare sulla viabilità cittadina indica altresì che porzioni significative del territorio sarebbero percorribili con difficoltà con mezzi di tale portata, suggerendo l'impiego di mezzi satellite di minor impatto che consentano l'agevole esecuzione del servizio. In calce agli articoli descriventi le modalità operative nell'esecuzione dei servizi di raccolta differenziata (art. 48 e seguenti) compare sistematicamente la seguente dicitura: Lo schema organizzativo prevede normalmente 1 equipaggio di raccolta formato da due operatori, dotato di un autocarro a vasca semplice o a costipazione (circa 7/10 mc) con attrezzatura volta cassonetti. In base alle necessità operative e territoriali, può rendersi necessario l'uso di un autocompattatore da 26/28 mc plurioperatore, con funzione di stazione mobile operativa. L'utilizzo del doppio operatore diventa altresì d'obbligo (cfr. es. ultimo capoverso art. 49) nell'erogazione del servizio di raccolta dedicato alle cosiddette "grandi utenze", a fronte dell'impiego di contenitori di piccola volumetria che, da CCNL, possono essere svuotati anche da un solo operatore (fino a 360 litri). Art. 31 del C.S.A., relativo al personale oggetto del passaggio di cantiere, in particolare al quarto capoverso e riportato che: ...è riportato l'elenco non nominativo del personale che le imprese cessanti hanno dichiarato essere stato continuativamente addetto ai servizi almeno 240 giorni antecedenti la data di pubblicazione del presente Bando, inclusivo di inquadramento, mansioni e qualifica, eventuali accordi collettivi aziendali a carattere economico goduti, anzianità maturata nella posizione parametrale B, ente previdenziale di appartenenza... Al quinto capoverso si aggiunge altresì che: Per l'espletamento dei servizi giornalieri e periodici previsti dal Capitolato di appalto, l'Appaltatore, nel rispetto delle leggi e della normativa contrattuale di riferimento, potrà utilizzare il personale nel rispetto delle mansioni proprie del profilo di appartenenza e nella massima autonomia organizzativa, nell'adozione di orari di lavoro, tecnologie e metodologie operative innovative che l'Impresa riterrà più idonee, utili e funzionali per migliorare i livelli di efficienza L'elenco del personale effettivamente riportato allo stesso articolo 31 indica un complessivo di 52 unità di cui n.47 diretti e n.5 indiretti. Allo stato l'Impresa appaltatrice sarà tenuta ad assorbire il personale dipendente dallattuale Gestore che di seguito si indicano come dal seguente elenco: N. 27 Operatori livello di inquadramento 3°/A (Operaio Comune) N. 18 Operatori livello di inquadramento 4°/A (Operaio Specializzato) N. 2 Operatori livello di inquadramento 5° N. 4 Amministrativi livello di inquadramento 6°/A (impiegato) N. 1 Amministrativo livello di inquadramento 8° (Responsabile) Orbene, secondo le previsioni dell'art.63 l'impiego di 20 mezzi satellite richiederebbe l'impiego di n.40 operatori, cui aggiungere almeno n.6 autisti per la conduzione dei mezzi di grossa portata (compattatori e autocarri multilift). Nell'ipotesi di un impiego di personale minimale per i servizi di spazzamento (es. n.5 tra operatori e autisti), risulta di fatti impossibile dimensionare i servizi impiegando il solo personale oggetto del passaggio di cantiere (si è a 51 unità senza considerare i servizi di raccolta a chiamata, microdiscariche etc.). Va da se che il rapporto alle unite da impiegare rispetto a quelle disponibili deve tenere correttamente conto del coefficiente di contemporaneità di presenza, stimato al contratto FISE Assoambiente in 1643/1981 = 0,83, il che comporta che per avere una media di n.51 operatori contemporaneamente presenti in tutti i giorni lavorativi, bisognerebbe averne in forza almeno 51/0,83=61. Da un'analisi spedita delle informazioni quantitative riportate al C.S.A. (art.46 distribuzione e numero di utenze, estensione territoriale, etc.) appare che all'impiego di n.20 mezzi satellite da 7/10 mc, oltre al minicostipatore di proprietà comunale, tutti allestiti con squadre costituite da doppio operatore, risultino corrispondenti carichi di lavoro nettamente inferiori a quelli medi rilevabili agli studi ISPRA e in letteratura tecnica per cui, in rapporto alla tipologia di automezzo previsto risulterebbero 10001200 utenze servibili per squadra, cui corrisponderebbe un fabbisogno di complessive 1113 squadre oltre a stimate n.2 squadre per le raccolte integrative dedicate alle "grandi utenze", valore pertanto inferiore a 20. Per tutto quanta detto si richiede a Codesta Spett. Stazione Appaltante di voler chiarire i seguenti aspetti: 1. Se, nella redazione del Capitolato Speciale d'Appalto sia stato inteso che per l'esecuzione dei servizi debba giocoforza prevedersi un impiego ultroneo di personale rispetto a quello indicato all'art.31 e, in tal caso, in che maniera se ne sia tenuto conto (anche nella redazione della relazione economica); 2. In che misura sia possibile superare la condizione vincolante di cui all'art. 63 circa il numero e tipologia di automezzi da impiegare, intendendosi con ciò la possibilità per il concorrente di redigere il proprio piano esecutivo e stabilire autonomamente i propri obiettivi di progetto ai sensi del disposto di cui all'art.202, comma 2, del D.Lgs. 152/2006 e ss.mm.ii.; 3. L'elenco dettagliato (non nominativo) del personale oggetto di passaggio di cantiere con indicazione delle mansioni e da cui si evinca, in particolare, che un numero sufficiente di unità, rispetto alle previsioni del Capitolato, sia in possesso dei requisiti per la conduzione di mezzi che richiedano il possesso della patente "C" e "CQC". In tal senso si ribadisce che il fabbisogno risulta almeno pari a 20 (mezzi satellite) + 4 (autocompattatore) + 2 (autocarro multift) + 1 (autospazzatrice), a cui applicare il coefficiente di contemporaneità (27/0,83=n.33 unità con mansione di autista); 4. Cosa si intenda al primo sub-criterio di valutazione di cui al punto 18.1 del disciplinare di Gara per: "Modalità di gestione e validità tecnico funzionale del sistema proposto per l'esecuzione del servizio porta a porta presso le specifiche utenze e soluzioni proposte a livello di efficienza nell'esecuzione dei servizi". 5. Se, in considerazione del peso attribuito al sub-criterio di valutazione di cui al punto precedente (ben 20 punti), nonchè in richiamo a quanto detto al precedente punto 2., sia possibile per il concorrente di proporre un proprio piano esecutivo dei servizi, definendo le risorse necessarie compatibilmente con gli obiettivi fissati dall'Amministrazione in termini di uomini, stabilendo in autonomia numero e tipologie di mezzi da impiegare e tecnologie applicabili (queste ultime anche in relazione al secondo sub-criterio di valutazione); 6. Si richiede infine copia della documentazione tecnica sottesa alla determinazione dell'importo a base d'asta con indicazione dei costi per il personale, dei costi dei mezzi (possibilmente secondo schema di analisi determinato con Circolare Ministero LL.PP. 4/3/66 n.1767), quantità, tipologia e costi unitari delle attrezzature preventivate, nonchè di quant'altro sia stato considerato ai fini della determinazione dell'importo risultante. RISPOSTA QUESITO N. 3 Nel riscontrare il quesito in oggetto inoltrato con nota prot. n. _______ del __ c.m. nel quale sono riportati n. 5 punti di domanda, si riporta quanto segue. 1. In relazione alla domanda se il Capitolato Speciale d'Appalto (CSA) preveda un impiego ultroneo di personale rispetto a quello indicato nell'art. 31 dello stesso (52 unita), si comunica che nel piano industriale per la raccolta differenziata e successive modifiche avvenute con le approvazioni annuali del piano TARI, il personale necessario per svolgere il servizio de quo è pari a n. 52 unita. Nella stima dei costi del personale sono contabilizzate le n. 52 unita con le relative qualifiche. 2. In riferimento al numero e tipologia di automezzi previsti dal CSA, bisogna in sede di offerta assicurare quanto previsto negli atti di gara e in sede di proposta migliorativa proporre una diversa organizzazione/gestione che sarà valutata quale offerta qualitativa. 3. Relativamente alla paventata incongruenza tra la flotta dei mezzi previsti dal CSA e l'entità di personale necessario alla loro conduzione, tenendo anche conto del coefficiente di contemporaneità (0,83), si fa presente che l'uso di tutti gli automezzi non è contemporaneo, ad ogni buon fine gli autisti muniti di patente "C" sono n.11 gli stessi hanno anche la patente "CQC". 4. Relativamente al punto 4) di domanda, trattasi di uno degli spunti espressi nel CSA rispetto ai quali l'operatore economico elabora la propria offerta tecnica. 5. Relativamente al punto 5) di domanda l'operatore economico propone nell'offerta tecnica la propria idea progettuale che sarà valutata dall'apposita commissione con il punteggio qualitativo. 6.Con riferimento al chiarimento sulla formulazione analitica a base d'asta, si fa presente che la stessa è stata determinata sulla base dei dati riportati nell'allegato schema che si allega
  • Pubblicato il 29/11/2019
    QUESITO E RISPOSTA N. 2 - Quesito n. 2 Con la presente si chiede: 1) conferma che è ammessa la partecipazione anche agli operatori economici che hanno regolarmente inoltrato domanda di iscrizione alla White List; 2) di conoscere, per ogni singola busta, la dimensione massima di ogni singolo file nonché della relativa busta. Distinti saluti, RISPOSTA QUESITO N. 2 Con riferimento al quesito n. 1) si conferma quanto indicato negli atti di gara, ossia di essere iscritto nell'elenco dei fornitori, prestatori di servizi non soggetti a tentativi di infiltrazione mafiosa (c.d. white list) istituito presso la Prefettura ed indica la provincia di competenza; Con riferimento al quesito n. 2), la società che gestisce la piattaforma digitale, ha comunicato che ogni singolo file non può essere superiore a 15 Megabyte, mentre ogni singola busta può contenere massimo 50 Megabyte. Comunque si consiglia di procedere all'ottimizzazione dei file.
  • Pubblicato il 28/11/2019
    QUESITO E RISPOSTA N. 1 - Quesito n. 1 Con la presente si chiede di chiarire quanto segue: Alla pagina 25 del Disciplinare di gara nella griglia degli elementi di valutazione sono stati indicati 25 punti per il primo e secondo criterio di valutazione, mentre alla pagina successiva, sempre nella griglia di valutazione per il primo punto sono indicati 30 punti per il secondo 20. Si chiede di comunicare qual'è quella corretta. RISPOSTA QUESITO N. 1 Il punteggio indicato al punto 1 della griglia contenente i macro criteri di valutazione di pagina 25, è un mero refuso. Difatti cosi come correttamente indicato nella griglia di valutazione contenuta a pagina 26 del disciplinare di gara, per quanto attiene: il criterio n. 1 Organizzazione del servizio di raccolta differenziata porta a porta sono stati previsti n. 30 punti il criterio n. 2 Organizzazione del servizio di spazzamento e altri servizi connessi sono stati previsti n. 20 punti.

[ Torna all'inizio ]