[ Salta al contenuto della pagina ]

Access key definite:
Vai alla pagina iniziale [H]
Vai alla pagina di aiuto alla navigazione [W]
Vai alla mappa del sito [Y]
Passa al testo con caratteri di dimensione standard [N]
Passa al testo con caratteri di dimensione grande [B]
Passa al testo con caratteri di dimensione molto grande [V]
Passa alla visualizzazione grafica [G]
Passa alla visualizzazione solo testo [T]
Passa alla visualizzazione in alto contrasto e solo testo [X]
Salta alla ricerca di contenuti [S]
Salta al menù [1]
Salta al contenuto della pagina [2]

Sezione contenuti:

[ Salta al menù ]

Dettaglio procedura

Questa funzionalità permette di visualizzare i dati della procedura selezionata, compresi i documenti relativi al bando, ovvero ai documenti che sono richiesti ai concorrenti. Premendo il pulsante "Lotti" si accede alle informazioni di dettaglio dei lotti facenti parte della procedura.
CONTENUTO AGGIORNATO AL 05/05/2021

Sezione Stazione appaltante

Provveditorato interregionale per la Campania, Molise, Puglia e Basilicata - Stazione Unica Appaltante Napoli 2
ROTUNNO GENA

Sezione Dati generali

fornitura ed installazione di strumentazione analitica delle apparecchiature, dellhardware e dei software necessari alla realizzazione del progetto SERVIZI SMART INFORMATIVI AL CITTADINO, ALLE IMPRESE ED AGLI ENTI SULLA QUALITA' DELL'ARIA, SULLE ACQUE SOTTERRANEE E SULLE EMISSIONI ODORIGENE - RETE DI MONITORAGGIO DELLE ACQUE SOTTERRANEE dellA.R.P.A. Campania - CIG : 8494716D64 - CUP : E61D19000020006
Forniture
Procedura aperta
Offerta economicamente più vantaggiosa
404.596,68 €
31/03/2021
10/05/2021 entro le 12:00
G00382
In aggiudicazione

Sezione Documentazione richiesta ai concorrenti

Busta tecnica
  • Relazione Tecnica redatta utilizzando tabella articolo di riferimento (punto 16 del disciplinare)
Busta economica
  • Offerta economica

Sezione Comunicazioni della stazione appaltante

  • Pubblicato il 05/05/2021
    Quesiti 9-10 - Quesito 9:Ai fini della dimostrazione del requisito di capacità economica finanziaria, si chiede di chiarire il possesso di referenze bancarie da parte delle mandanti in caso di Raggruppamento temporaneo o Consorzio Ordinario, considerato che al punto b. art. 7.2 del Disciplinare di gara la frase risulta troncata. Risposta:si conferma trattasi di mero refuso, ai fini della dimostrazione del requisito occorre attenersi a quanto riportato al punto 7.4 del disciplinare " il requisito di cui al punto 7.2 lett.b)deve essere posseduto sia dalla capogruppo sia dalla mandante che dovranno dimostrare il possesso di una referenza QUESITO 10: Quesito:Con la presente si chiede di chiarire le modalità di presentazione dell'offerta tecnica, specificando il numero massimo di pagine consentite della relazione descrittiva, considerato l'incongruenza tra il Disciplinare di gara e il Capitolato speciale descrittivo e prestazionale, come di seguito elencato: 1) il Disciplinare di gara, a pagina 20 - paragrafo 16, afferma che "Ciascuna delle buste B Offerta tecnica dovrà contenere, a pena di esclusione, una descrizione tecnica del materiale fornito redatto utilizzando la tabella di riferimento con i sub criteri come prevista dalle tabelle offerta tecnica per ciascun articolo oggetto della fornitura, in un documento complessivo di max 20 fogli formato A4"; 2) il capitolato speciale descrittivo e prestazionale, all'art. 8 punto 3, pagina 10, afferma che "l'offerta tecnica dovrà avvenire tramite la presentazione di una relazione descrittiva, suddivisa per punti composta da massimo 50 facciate complessive in A4, tipo carattere Time New Roman e altezza 12....". Richiediamo, inoltre, una proroga di 10 giorni per la presentazione delle offerte RISPOSTA:si conferma quanto riportato nel disciplinare di gara, con la possibilità di allegare in aggiunta alla relazione tecnica eventuali schede tecniche (datasheets, depliants illustrativi, etc.). Circa l'ultimo punto: quesito non conforme.
  • Pubblicato il 04/05/2021
    Quesiti da 1 a 8 - QUESITO N.1: Si chiede di confermare che l'ottenimento delle autorizzazioni non è a carico dell'appaltatore. RISPOSTA AL QUESITO N.1: Nell'Allegato A al Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale, per gli articoli n.1, n.2 e n.3 alle lettere a) è specificato: [] supporto ai tecnici ARPAC nella gestione delle procedure autorizzative all'installazione delle stazioni nei siti predefiniti []. Pertanto l'Appaltatore deve fornire ad ARPAC tutto il supporto necessario (predisposizione pratiche, modulistica, elaborati grafici, etc.) per lavvio degli iter di autorizzazione, nonché ulteriori integrazioni qualora fossero richieste dagli Enti preposti, fermo restando le tempistiche dichiarate in sede di Offerta tecnica per la consegna degli elaborati progettuali necessari. Lottenimento del titolo autorizzativo non è a carico dellAppaltatore. QUESITO N.2: Relativamente all'autorizzazione dei progetti esecutivi delle stazioni a media ed elevata difficoltà, si chiede se i giorni necessari all'autorizzazione da parte del RUP e del DEC sono esclusi dal conteggio dei giorni relativi alla fornitura. RISPOSTA AL QUESITO N.2: Nell'Allegato A al Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale, per gli articoli n.2 e n.3 inTabella n.1 e Tabella n.2, sono specificati i tempi di consegna e installazione con relativi criteri minimi e premiali. Detti tempi sono comprensivi di tutto quanto necessario a rendere completa la rete di monitoraggio ed avere dati di misura di qualità da validare da remoto, pertanto anche dei tempi per lapprovazione degli elaborati di cui alle lettere a) per gli articoli n.2 e n.3 nellAllegato A al CSDP.Si specifica, inoltre, che i tempi necessari a RUP e DEC per lapprovazione degli elaborati di cui al punto precedente non costituiscono impedimento allesecuzione di altre attività previste dallappalto (a titolo di esempio attività previste per art. 1 e/o art. 4 Allegato A). Tutte le attività saranno comunque valutate con riferimento allo specifico cronoprogramma come previsto dallart. 18 del CSDP. QUESITO N.3: Si chiede di specificare se un eventuale ritardo dovuto allottenimento delle autorizzazioni, non dipendente dallappaltatore, è causa di penali. RISPOSTA AL QUESITO N.3:Il sistema di penalità è disciplinato dallart. 27 del CSDP, dallart. 18 dello Schema di Contratto nonché dalla normativa vigente in materia. Si faccia riferimento alla risposta al quesito n.1. QUESITO N.4: Si chiede di confermare se è possibile non fornire il sensore di pH qualora quello di nitrati non lo richiedesse. RISPOSTA AL QUESITO N.4: AllAllegato A al CSDP, art. 6 è specificato: [] Laggiudicatario potrà proporre anche, eventualmente la tecnologia lo permettesse, una soluzione per la misura dei nitrati senza il sensore di PH []. dunque facoltà dellAppaltatore proporre tecnologie alternative dimostrandone lequivalenza in termini di prestazioni ed efficienza di misura. QUESITO N.5: Si chiede se è richiesto il sensore di livello integrato anche per le sonde che andranno installate in calla di flusso. RISPOSTA AL QUESITO N.5: facoltà dellAppaltatore proporre tecnologie alternative rispetto a quanto descritto negli elaborati progettuali dimostrandone lequivalenza in termini di prestazioni ed efficienza di misura, in considerazione anche delle caratteristiche dei siti di installazione. QUESITO N.6: Si chiede di specificare se come sensore di livello esterno è accettata esclusivamente la tecnologia ad ultrasuoni o sono ammesse altre tecnologie. RISPOSTA AL QUESITO N.6: In Relazione Tecnica, paragrafo 6 lett. a è specificato [] cambio tecnologia per lamisura del livello (per esempio idrometro ad ultrasuoni) []; pertanto la tecnologia a ultrasuoni costituisce mero suggerimento di alternativa [] laddove non sia possibile utilizzare il relativo sensore con sonda []. facoltà dellAppaltatore proporre tecnologie alternative dimostrandone lequivalenza in termini di prestazioni ed efficienza di misura. QUESITO N.7: Relativamente allalimentazione delle centraline, nella descrizione si fornisce come scelta lalimentazione con pannelli fotovoltaici o con altre soluzioni alternative (es. batterie a lunga durata o altri sistemi equivalenti). Nelle tabelle dei requisiti minimi però si evince che a pena di esclusione devono essere presenti i pannelli fotovoltaici. Si chiede dunque se è possibile per alcune stazioni fornire unalimentazione senza utilizzo di pannelli fotovoltaici. RISPOSTA AL QUESITO N.7: In Relazione Tecnica, paragrafo 6.1 ai punti nn. 1-2-3 è specificato che le stazioni devono essere dotate di [] impianto di alimentazione elettrica autonomo(pannelli fotovoltaici, batterie alunga durata, altra tecnologia) []; pertanto la tecnologia a pannelli fotovoltaici costituisce scelta preferenziale per lalimentazione elettrica. Qualora essa non sia possibile è facoltà dellAppaltatore proporre tecnologie alternative dimostrandone lequivalenza in termini di prestazioni ed efficienza. In tal caso il requisito minimo specificato alle Tabelle n.1 degli articoli nn.1-2-3 è inteso come presenza di impianto elettrico autonomo con potenza minima pari a 24W. QUESITO N.8: Si chiede di specificare se il collaudo può essere effettuato contestualmente allinstallazione. RISPOSTA AL QUESITO N.8: Le modalità e le tempistiche di verifica di conformità sono specificate allart.31 del Capitolato Speciale Descrittivo e Prestazionale. In ragione della complessità dellappalto e dellinteresse dellAmministrazione a pervenire il prima possibile alla realizzazione della rete di monitoraggio, le attività organizzative di dettaglio saranno oggetto di specifico cronoprogramma come previsto dallart. 18 del CSDP e nel rispetto dellautonomia dellOrgano di Verifica di Conformità.

[ Torna all'inizio ]